Pagina:Gramsci - Quaderni del carcere, Einaudi, I.djvu/513

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


UADERNO 4 (xill) « to, tecnico, dell’egemonia economica anglosassone e della sterlina nel mondo: tentativi di New York e di Parigi per soppiantare Londra. Quanto rende al capitalismo inglese questa egemonia? In alcuni scrit¬ ti di Einaudi vi sono larghi cenni su questo argomento. Il libro di Ma¬ rio Borsa su Londra. Il libro di Angelo Crespi sull’imperialismo bri¬ tannico 6. L'argomento è stato trattato dal Presidente ' della Westminster (Banca) nel discorso tenuto in occasione dell’assemblea del 1929: l’o¬ ratore ha accennato ai lamenti perché gli sforzi fatti per conservare la posizione di Londra come centro finanziario internazionale impongo¬ no sacrifizi eccessivi all’industria e al commercio, ma ha osservato che il mercato finanziario di Londra produce un reddito che contribuisce in larga misura a saldare il deficit della bilancia commerciale. Da un’inchiesta fatta dal Ministero del Commercio risulta che nel 28 que¬ sto contributo fu di 65 milioni di sterline, nel 27 di 63 milioni, nel 26 di 60 milioni: questa attività deve considerarsi perciò come una fra le maggiori industrie esportatrici inglesi. Va tenuto conto della parte 35 importante che spetta a Londra | nell’esportazione di capitali, che frutta un reddito annuo di 285 milioni di sterline e che facilita l’espor¬ tazione di merci inglesi perché gl’investimenti inglesi aumentano la capacità d’acquisto dei mercati esteri. L’esportatore inglese trova poi nel meccanismo che la finanza internazionale si è creato a Londra, fa¬ cilitazioni bancarie, cambiali ecc., superiori a quelle esistenti in qual¬ siasi altro paese. È evidente dunque che i sacrifizi fatti per conservare a Londra la sua supremazia nel campo della finanza internazionale so¬ no ampiamente giustificati dai vantaggi che ne derivano, ma per con¬ servare questa supremazia è essenziale che il sistema monetario ingle¬ se abbia per base il libero movimento dell’oro. Ogni misura che in¬ tralciasse questa libertà andrebbe a danno di Londra come centro in¬ ternazionale per il denaro a vista. I depositi esteri fatti a Londra a questo titolo rappresentano somme notevolissime messe a disposizio¬ ne di quella piazza. Se questi fondi cessassero di affluire, il tasso del denaro sarebbe forse più stabile, ma sarebbe indubbiamente più alto7. Quali espressioni commerciali economiche sono nate da questa funzione di Londra e che si trovano nella lettura dei giornali e delle riviste economiche?

Cfr Quaderno 16 (xxii), pp. 7*8. § (61). Filosofia-ideologia, scienza-dottrina. Cfr Gaé¬ tan Pirou, Doctrines sociales et science économique, Librai¬ rie du Recueil Sirey, Parigi. (Capitoli: Science économique et socialisme. Science et doctrines économiques. Nouveaux aspects du coopératisme. L’état actuel de la science écono¬ mique en France. Fondament de la valeur et lois de l’échan¬ ge. M. Pantaleoni et la théorie économique). L’autore di- X 1930-1932: