Pagina:Gramsci - Quaderni del carcere, Einaudi, I.djvu/542

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


miscellanea) 535 Rinascimento, « la conoscenza dei grandi autori greci e lati¬ ni viene ritenuta non solo utile, ma indispensabile per la formazione del gentleman, dell’uomo politico: serve a dar¬ gli quel senso di equilibrio, di armonia, quella raffinatezza di gusto che sono elemento integrante della vera cultura». L’educazione scientifica sta pr^n^n^r» ;i cnpravvp^n «T.a cultura si va democratizzando e fatalmente livellando »^Ne- gli ultimi trenta o quaranta anni sono sorte nuove univer¬ sità nei grandi centri industriali, Manchester, Liverpool, Birmingham, Sheffield, Leeds, Bristol: il Galles volle lasna università e la tondo a Bangnrr ron ramifirayinni a C-afdjff ■ Swansea e Abervstwvth. Dopo la guerra e in questi ultimi anni le università si sono ancora moltiplicate; a Hull, a New Castle, a Southampton, a Exeter, a Reading e se ne annun¬ ziano altre due, a Nottingham e a Leicester. In tutti questi centri la tendenza è di dare alla cultura un carattere preva¬ lentemente tecnico per soddisfare le richieste del gran pub¬ blico degli studiosi. Le materie che più interessano sono, ol¬ tre le scienze applicate, fisica, chimica ecc., quelle professici "nali, medicina, ingegneria, economia poltrirà, sociologia ecc. '«'Anche Oxford e Cambridge hanno dovuto far ( delle ) con¬ cessioni, e sviluppare sempre più la parte scientifica»; inol¬ tre esse hanno istituito gli Extension Courses. Il movimento verso la nuova cultura è generale: sorgono scuole e istituzioni private, serali, per adulti, con un inse¬ gnamento ibrido ma essenzialmente tecnico e pratico. Sorge intanto tutta una letteratura scientihca popolareT Infine l’ammirazione (per) la scienza è tanta che anche i giovani delle classi colte ed aristocratiche considerano gli studi clas¬ sici come un inutile perditempo. il fenomeno_è_mondiale. Ma l’Inghilterra aveva resistito più a lungo di altri e ora si orienta verso una forma di cultura prevalentemente tecnica. « Il tipo del ( perfetto ) gentleman non ha più ragione di es¬ sere; rappresentava Pideale dell’educazione inglese, quando la Gran Bretagna, dominatrice dei mari e padrona dei grandi mercati del mondo, poteva permettersi il lusso di una po¬ litica di splendido isolamento, e di una cultura che aveva in sé, indubbiamente, una nota aristocratica. Oggi le cose son mutate». Perdita della supremazia navale e commerciale; |