Pagina:Gramsci - Quaderni del carcere, Einaudi, I.djvu/567

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


560 QUADERNO 5 (ix) mo sinologo del suo tempo; tradusse un’enorme massa di testi cinesi, romanzi, commedie, libri di viaggi e opere di fi¬ losofia e infine riassunse la sua esperienza filologica nella Syntaxe nouvelle de la langue chinoise. L’importanza scien¬ tifica del Julien è data dal fatto che egli riuscì a penetrare il carattere della lingua cinese e le ragioni della sua difficoltà per gli europei, abituati alle lingue flessive. Anche per un ci¬ nese lo studio della sua lingua è più difficile di ciò che non sia per un europeo lo studio della propria: occorre un dop¬ pio sforzo, di memoria e d’intelligenza, di memoria per ri¬ cordare i molteplici significati di un ideogramma, di intelli¬ genza per collegare questi in modo da trovare in ognuno di essi la parte, per cosi dire, connettiva che permette di trarre dal nesso delle frasi un senso logico ed accettabile. Più il te¬ sto è denso ed elevato (nel senso dell’astrazione) e più diffi¬ cile è tradurlo: anche il più esperto letterato cinese deve sempre far precedere un lavorio d’analisi, più o meno rapi¬ do, all’interpretazione del testo che legge. L’esperienza ha nel cinese un valore fiu grande che in altre lingue, | dove base prima all’intelligenza è la morfologia che in cinese non esiste. (Mi pare difficile accettare che in cinese non esista assolutamente la morfologia: nelle descrizioni della lingua cinese fatte da europei bisogna tener conto del fatto che il « sistema di scrittura » prende necessariamente il primo po¬ sto nell’importanza: ma il «sistema di scrittura» coincide perfettamente con la lingua parlata che è la «lingua reale»? è possibile che la funzione morfologica in cinese sia più le¬ gata alla fonetica e alla sintassi, cioè al tono dei singoli suoni e al ritmo musicale del periodo, cosa che non potrebbe ap¬ parire nella scrittura se non sotto forma di notazione musi¬ cale, ma anche in questo caso mi pare difficile escludere una qualche funzione morfologica autonoma: bisognerebbe ve¬ dere il libretto del Finck sui tipi principali di lingue \ Ricor¬ dare ancora che la funzione morfologica anche nelle lingue flessive ha come orìgine parole indipendenti divenute suf¬ fissi, eccetera: questa traccia forse può servire per identifi¬ care la morfologia del cinese, che rappresenta una fase lin¬ guistica forse più antica delle più antiche lingue di cui si è conservata la documentazione storica. Le notizie che qui 1930-1932: (miscellanea)