Pagina:Gramsci - Quaderni del carcere, Einaudi, I.djvu/574

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


miscellanea) 5^7 § ( 29 ). Oriente-Occidente. In una conferenza, pubbli¬ cata nel volume Uénergie spirituelle (Parigi, 1920), Berg¬ son cerca di risolvere il problema: che cosa sarebbe avvenu¬ to se l’umanità avesse rivolto il proprio interesse e la pro¬ pria indagine ai problemi della vita interiore anziché a quel¬ li del mondo materiale. Il regno del mistero sarebbe stato la materia e non più lo spirito, egli dice *. Questa conferenza bisognerà leggerla. In realtà «umani¬ tà» significa Occidente, perché l’Oriente si è proprio ferma¬ to alla fase dell’indagine rivolta solo al mondo interiore. La quistione sarebbe questa, da porre in base allo studio della conferenza di Bergson: se non è proprio lo studio del¬ la materia - e cioè il grande sviluppo delle scienze intese co¬ me teoria e come applicazione industriale - che ha fatto na¬ scere il punto di vista che lo spirito sia un «mistero», in quanto ha impresso al pensiero un ritmo accelerato di mo¬ vimento, facendo pensare a ciò che potrà essere « l’avvenire dello spirito» (problema che non si pone quando la storia è stagnante) e facendo quindi vedere lo spirito come una en¬ tità misteriosa che si rivela un po’ capricciosamente ecc. % § ( 30 ). funzione internazionale degli intellettuali italia¬ ni. Nel «Bollettino storico lucchese» del 1929 o degli ini¬ zi del 1930 è apparso uno studio di Eugenio Lazzareschi sui rapporti colla Francia dei mercanti lucchesi nel Medio Evo. I lucchesi, frequentando ininterrottamente dal sec. xii i grandi mercati delle città e le famose fiere della Fiandra e della Francia, erano | divenuti proprietari di larghi fondi, 17 bis agenti commerciali o fornitori delle Corone di Francia e di Borgogna, funzionari ed appaltatori nelle amministrazioni civili e finanziarie: avevano contratto parentadi illustri e s’erano così bene acclimatati in Francia che potevano ormai dire di avere due patrie: Lucca e la Francia. Perciò uno di loro, Galvano Trenta, all’inizio del 141T scriveva a Paolo Guinigi di pregare il nuovo Papa, non appena eletto, che ri¬ chiedesse al re di Francia che ogni lucchese fosse riconosciu¬ to «borghese» di Parigi \