Pagina:Gramsci - Quaderni del carcere, Einaudi, I.djvu/588

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


(miscellanea) 581 zionali e politeistiche degli Egiziani, dei Babilonesi, degli Indiani, dei Greci, dei Romani, ecc.). Amaterasu è una di¬ vinità come Osiride, o Apollo o Artemide; è interessante che un popolo civile moderno come il giapponese, creda e adori una tale divinità. (Forse però le cose non sono cosf semplici come può apparire). Tuttavia accanto a questa re¬ ligione nazionale sussiste il Buddismo, tipo di religione su¬ pernazionale, per cui si può dire che anche in Giappone si è avuto fondamentalmente lo stesso sviluppo religioso che nell’Occidente (col Cristianesimo). Anzi Cristianesimo e Buddismo si diffondono nelle rispettive zone sincronica- mente e ancora: il Cristianesimo che si diffonde in Europa non è quello della Palestina, ma quello di Roma o di Bisan¬ zio (con la lingua latina o greca per la liturgia) così come il Buddismo che si diffonde nel Giappone non è quello del¬ l’India, ma quello cinese, con la lingua cinese per la liturgia. Ma a differenza del Cristianesimo, il Buddismo lasciò sussi¬ stere le religioni nazionali preesistenti (in Europa le tenden¬ ze nazionali si manifestarono in seno al Cristianesimo). All’inizio il Buddismo fu accolto nel Giappone dalle clas¬ si colte, insieme alla civiltà cinese (ma la civiltà cinese portò solo il Buddismo?) Successe un sincretismo religioso: Bud¬ dismo-Shintoismo. Elementi di confucianismo. Nel seco¬ lo xvni ci fu una reazione al sincretismo in nome della re¬ ligione nazionale che culminò | nel 1868 con l’avvento del 25 Giappone moderno. (Lo Shintoismo) dichiarato religione di Stato. Persecuzione del Buddismo. Ma per breve tempo. Nel 1872 il Buddismo fu riconosciuto ufficialmente e pari¬ ficato allo Shintoismo tanto nelle funzioni, tra cui princi¬ palmente quella pedagogica di educare il popolo ai senti¬ menti e ai principii del patriottismo, del civismo, e del lea¬ lismo, quanto nei diritti con la soppressione delT« Ufficio dello Shinto » e la istituzione di un Ministero della religio¬ ne, avente giurisdizione tanto sullo Shintoismo che sul Bud¬ dismo. Ma nel 1875 il governo mutò ancora la politica: le due religioni furono separate e ( lo Shintoismo ) andò assu¬ mendo una posizione speciale e unica. Provvedimenti buro¬ cratici vari andarono succedendosi che culminarono nella elevazione dello Shintoismo a istituzione patriottica e na- 582 QUADERNO