Pagina:Gramsci - Quaderni del carcere, Einaudi, I.djvu/589

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


5 (ix) zionale, con la rinunzia ufficiale al suo carattere religioso (divenne una istituzione - mi pare - del tipo di quella roma¬ na del culto dell’Imperatore, ma senza carattere religioso in senso stretto, per cui anche un Cristiano può esercitarlo). I Giapponesi possono appartenere a qualsiasi religione, ma devono inchinarsi dinanzi aH’immagine delPImperatore. Cosi lo Shinto di Stato si è separato dallo Shinto delle sette religiose. Anche burocraticamente si ebbe una sanzione: esiste oggi un «Ufficio delle religioni» presso il Ministero deirEducazione, per le varie chiese dello Shintoismo popo¬ lare, per le varie chiese buddistiche e cristiane e un «Ufficio dei santuari» per lo Shintoismo di Stato presso il Ministero deirinterno. Secondo il Pettazzoni questa riforma fu dovu¬ ta all’applicazione meccanica delle Costituzioni occidentali al Giappone: per affermare cioè il principio della libertà re¬ ligiosa e della uguaglianza di tutte le religioni dinanzi allo Stato e per togliere il Giappone dallo stato di inferiorità e arretratezza che Io Shintoismo, come religione, gli conferiva in confronto col tipo di religione vigente in | Occidente. Mi pare artificiale la critica del Pettazzoni (vedere anche in Cina quel che avviene a proposito di Sun Yat Sen e dei tre principi: si sta formando un tipo di culto di Stato, areli¬ gioso: mi pare che l’immagine di Sun abbia un culto come quello delPImperatore vivente in Giappone). Nel popolo e anche nelle persone colte rimane però viva la coscienza e il sentimento dello Shinto come religione (ciò è naturale, ma mi pare innegabile l’importanza della Riforma, che tende, coscientemente o no, alla formazione di una coscienza laica, in forme paradossali quanto si vuole). (Questa discussione, se lo Shinto di Stato sia una religione o no mi pare la parte più importante del problema culturale giapponese: ma tale discussione non si può fare per il Cristianesimo, certa¬ mente). § (51 ). Noterelle di cultura cinese. DalParticolo II ri¬ formatore cinese Suen Uen e le sue teorie politiche e so¬ ciali , nella «Civiltà Cattolica» del 4 maggio e del 18 mag¬ gio 1929 \ «Il partito nazionalista ha promulgato decreti 1930-