Pagina:Gramsci - Quaderni del carcere, Einaudi, I.djvu/593

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


586 QUADERNO 5 (ix) § (54). I nipotini di padre Bresciani. Letteratura po- polare-nazionale. Bisognerà fissare bene ciò che deve inten¬ dersi per «interessante» nelParte in generale e specialmen¬ te nella letteratura narrativa e nel teatro. L’elemento «inte¬ ressante» muta secondo gli individui o i gruppi sociali o la folla in generale: è quindi un elemento della cultura, non dell’arte, ecc. Ma è perciò un fatto compie]tamente estraneo e separato dall’arte? Intanto Parte stessa interessa, è inte¬ ressante [cioè] per se stessa, in quanto soddisfa una esigen¬ za della vita. Ancora: oltre questo carattere più intimo al¬ l’arte di essere interessante per se stessa, quali altri elemen¬ ti di «interesse» può presentare un’opera d’arte, per esem¬ pio un romanzo o un poema o un dramma? Teoricamente infinito. Ma quelli che «interessano» non sono infiniti: so¬ no precisamente solo gli elementi che si ritiene contribui¬ scano più direttamente alla « fortuna » immediata o mediata (in primo grado) del romanzo, del poema, del dramma. Un grammatico si può interessare ad un dramma di Pirandello perché vuol sapere quanti elementi lessicali, morfologici e sintattici di marca siciliana il Pirandello introduce o può in¬ trodurre nella lingua italiana letteraria: ecco un elemento « interessante » che non contribuirà molto alla diffusione del dramma in parola. I «metri barbari» del Carducci erano un elemento «interessante» per una cerchia più vasta, per la corporazione dei letterati di professione, e per quelli che intendevano diventarlo: furono dunque un elemento di «fortuna» immediata già notevole, contribuirono a diffon¬ dere qualche migliaia di copie dei versi scritti in metri bar¬ bari. Questi elementi «interessanti» variano secondo i tem¬ pi, i climi culturali e secondo le idiosincrasie personali. L’elemento più stabile di «interesse» è certamente l’inte¬ resse «morale» positivo o negativo, cioè per adesione o per contraddizione: «stabile» in un certo senso, cioè nel senso della «categoria morale», non del contenuto concreto mo¬ rale. Strettamente legato a questo è l’elemento «tecnico» in un certo senso particolare, cioè «tecnico» come modo di far capire nel modo più immediato e più drammatico il conte¬ nuto morale, il contrasto morale del romanzo, del poema, 1930-1932: (