Pagina:Gramsci - Quaderni del carcere, Einaudi, I.djvu/648

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


(miscellanea) 641 daria, un indizio, un sintomo e non il più appariscente della profonda essenza dell’età cui spetta il nome di Rinascimen¬ to. «Il fatto centrale e fondamentale, quello onde ogni altro germoglia, fu la nascita e la maturazione d’un nuovo mondo spirituale che dall’energica e coerente virtù creativa spri¬ gionatasi dopo il Mille in ogni campo dell’umana attività, fu portato allora sulla scena della storia non pure italiana, ma europea». Dopo il Mille s’inizia la reazione contro il regime feudale «che improntava di sé tutta la vita» (con l’aristo¬ crazia fondiaria e il chiericato): nei due o tre secoli seguenti si trasforma profondamente Passetto economico, politico e culturale della società: si rinvigorisce l’agricoltura, si ravvi¬ vano, estendono ed organizzano le industrie e i commerci; sorge la borghesia, nuova classe dirigente (questo punto è da precisare e il Rossi non lo precisa) fervida di passione politi¬ ca (dove, in tutta Europa, o solamente in Italia e nelle Fian¬ dre?) e stretta in corporazioni finanziarie potenti; si costi¬ tuisce con crescente spirito di autonomia lo Stato comu¬ nale. (Anche questo punto è da precisare: bisogna fissare che significato ha avuto lo «Stato» nello Stato comunale: un si¬ gnificato «corporativo» limitato, per cui non si è potuto svi¬ luppare oltre il feudalismo medio, cioè quello successo al feudalismo assoluto — senza terzo stato, per cosi dire, — esi¬ stito fino al Mille e a cui successe la monarchia assoluta nel secolo xv, fino alla Rivoluzione francese. Un passaggio orga¬ nico dal comune a un regime non più feudale si ebbe nei Paesi Bassi e solo nei Paesi Bassi. In Italia i Comuni non seppero uscire dalla fase corporativa, l’anarchia feudale eb¬ be il sopravvento in forme appropriate alla nuova situazio¬ ne e ci fu poi la dominazione straniera. Confrontare a que¬ sto proposito alcune note sugli «Intellettuali italiani». Per tutto lo sviluppo della società europea, cui accenna il Rossi, dopo il Mille, occorre tener conto del libro di Henri Piren- ne2 sull’origine delle città). Movimenti di riforma della Chiesa; sorgono ordini reli¬ giosi nuovi che vogliono ripristinare la vita apostolica. (Questi movimenti sono sintomi positivi o negativi del nuo¬ vo mondo che si sviluppa? Certamente essi si presentano