Pagina:Gramsci - Quaderni del carcere, Einaudi, I.djvu/655

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


ix) « che ripensassero e rimpiangessero l’età giovanile». E questo è un vero romanzo storico: dove si può trovare Y «idea che una grande rivoluzione s}era compiuta » ?, ecc. Il Rossi di¬ lata a fatto storico degli aneddoti di carattere libresco e il senso del disprezzo dell’umanista per il latino medioevale e l’alterigia del signore raffinato per la «barbarie» medioeva¬ le; ha ragione Antonio Labriola nel suo brano Da un secolo all'altro che solo con la Rivoluzione Francese si sente il di¬ stacco dal passato, da tutto il passato e questo sentimento ha la sua espressione ultima nel tentativo di rinnovare il computo degli anni col calendario repubblicano \ Se ciò che pretende il Rossi si fosse manifestato davvero, non sarebbe avvenuto cosi facilmente il passaggio dal Rinascimento alla Controriforma. Il Rossi non sa liberarsi dalla concezione re¬ torica del Rinascimento e perciò non sa valutare il fatto che esistevano due correnti: una progressiva e una regressiva e che quest’ultima trionfò in ultima analisi, dopo che il feno¬ meno generale raggiunse il suo massimo splendore nel Cin¬ quecento (non come fatto nazionale e politico, però, come 59 bis fatto culturale prevalentemente se | non esclusivamente), come fenomeno di una aristocrazia staccata dal popolo-na¬ zione, mentre nel popolo si preparava la reazione a questo splendido parassitismo nella riforma protestante, nel Savo- narolismo coi suoi «bruciamenti delle vanità», nel banditi¬ smo popolare come quello di re Marcone in Calabria e in al¬ tri movimenti che sarebbe interessante registrare e analiz¬ zare almeno come sintomi indiretti: lo stesso pensiero poli¬ tico del Machiavelli è una reazione al Rinascimento, è il ri¬ chiamo alla necessità politica e nazionale di riavvicinarsi al popolo come hanno fatto le monarchie assolute di Francia e di Spagna, come è un sintomo la popolarità del Valentino in Romagna, in quanto deprime i signorotti e i condottieri ecc. Secondo il Rossi «la coscienza della separazione ideale prodottasi nei secoli fra Pantichità e Pepoca nuova» è già virtualmente nello spirito di Dante, ma appare attuale e s’impersona, nell’ordine politico, in Cola di Rienzo, che «erede del pensiero di Dante, vuole rivendicare la romanità e quindi l’italianità (perché "quindi”?, Cola di Rienzo pen¬ sava proprio solo al popolo di Roma, materialmente inteso) 1930-1932: (