Pagina:Guicciardini, Francesco – Storia d'Italia, Vol. I, 1929 – BEIC 1845433.djvu/103

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

libro primo — cap. xvii 97

che gli effetti, perché distratta in molte fazioni o membri di cittadini, chiamati appresso a loro ordini, ubbidiva a quella parte la quale secondo gli accidenti de’ tempi e i favori de’ potentati forestieri era piú potente che l’altre; e allora vi prevaleva l’ordine del Monte de’ nove. In Siena dimorato pochissimi dí, e lasciatavi gente a guardia, perché per essere quella cittá inclinata insino a’ tempi antichi alla divozione dello imperio gli era sospetta, si indirizzò al cammino di Roma; insolente piú l’un dí che l’altro per i successi molto maggiori che non erano giammai state le speranze, e, essendo i tempi benigni e sereni assai piú che non comportava la stagione, deliberato di continuare senza intermissione questa prosperitá, terribile non solo agli inimici manifesti ma a quegli o che erano stati congiunti seco o i quali non l’avevano provocato in cosa alcuna. Perché, e il senato viniziano e il duca di Milano, impauriti di tanto successo, dubitando, massime per le fortezze ritenute de’ fiorentini e per la guardia lasciata in Siena, che i pensieri suoi non terminassino nello acquisto di Napoli, incominciorno per ovviare al pericolo comune a trattare di fare insieme nuova confederazione; e gli arebbono data piú tosto perfezione se le cose di Roma avessino fatto quella resistenza che fu sperato da molti.

Perché la intenzione del duca di Calavria, col quale s’erano unite presso a Roma le genti del pontefice e Verginio Orsino col resto dell’esercito aragonese, fu di fermarsi a Viterbo per impedire a Carlo il passare piú innanzi; invitandolo oltre a molte cagioni l’opportunitá del luogo, circondato dalle terre della Chiesa e propinquo agli stati degli Orsini. Ma tumultuando giá tutto ’l paese di Roma, per le scorrerie che i Colonnesi facevano di lá dal fiume del Tevere e per gl’impedimenti che per mezzo d’Ostia si davano alle vettovaglie, le quali solevano condursi a Roma per mare, non ebbe ardire di fermarvisi: dubitando oltre a questo della mente del pontefice, perché, insino quando intese la variazione di Piero de’ Medici, aveva cominciato a udire le domande franzesi, per le quali andò allora a Roma a parlargli il cardinale Ascanio,