Pagina:Guicciardini, Francesco – Storia d'Italia, Vol. I, 1929 – BEIC 1845433.djvu/257

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

libro terzo — cap. vii 251

massime per tutto gli stradiotti de’ viniziani, i quali presono molti franzesi che ne conducevano da Venosa; né avevano piú quegli di dentro facoltá di andare al saccomanno se non a ore straordinarie e con grosse scorte: il che anche fu tolto del tutto loro, perché essendo uscito in sul mezzo dí Paolo Vitelli con cento uomini d’arme, tirato dal marchese di Mantova in uno aguato, ne perdé parte. Cosí perdute tutte le comoditá, si ridussono in ultimo in tanta strettezza che non potevano, eziandio con le scorte, usare per i cavalli l’acqua del fiume, e dentro mancava l’acqua necessaria alle persone; in modo che, vinti da tanti mali e abbandonati d’ogni speranza, avendo giá sopportato l’assedio trentadue dí, necessitati ad arrendersi, impetrato salvocondotto, mandorono Persí, Bartolomeo d’Alviano e uno de’ capitani svizzeri a parlare a Ferdinando, col quale venneno in queste convenzioni: che l’offese si levassino tra le parti per trenta dí, non potendo nel detto tempo partirsi d’Atella alcuno degli assediati; a’ quali fusse dí per dí conceduta dagli aragonesi la vettovaglia necessaria: fusse lecito a Mompensieri significare al suo re l’accordo fatto, e non avendo soccorso fra trenta dí, lasciasse Atella e tutto quello che nel regno di Napoli era in sua potestá, con tutte l’artiglierie che v’erano dentro, salve le persone e le robe de’ soldati; con le quali fusse libero a ciascuno di andarsene, o per terra o per mare, in Francia; e agli Orsini e agli altri soldati italiani, di ritornarsene con le sue genti dove volessino fuora del regno: che a’ baroni e agli altri che avevano seguitata la parte del re di Francia fusse, in caso che andassino fra quindici dí a Ferdinando, rimessa ogni pena e restituito tutto quello possedevano quando si principiò la guerra. Il quale termine poi che fu passato, Mompensieri con tutti i franzesi e con molti svizzeri e gli Orsini furno condotti a Castello a mare di Stabbia: disputandosi se Mompensieri, come luogotenente generale del re e superiore a tutti gli altri, fusse obligato a fare restituire, come allegava Ferdinando, tutto quello che nel reame di Napoli si possedeva in nome del re di Francia; perché Mompensieri pretendeva non essere