Pagina:Guicciardini, Francesco – Storia d'Italia, Vol. II, 1929 – BEIC 1846262.djvu/178

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
172 storia d'italia

suo figliuolo: da altra parte non gli era grata la passata di quel re in Italia, il quale si intendeva giá che si preparava a passare con forze grandi; perché ne temeva piú che ’l solito, per la potenza che cresceva in Filippo successore di tanta grandezza, e dubitandosi che quando fu in Inghilterra avesse fatto con quel re nuove e strette congiunzioni; e perché era cessata, per la pace fatta col re cattolico (per la quale aveva deposto i pensieri del regno di Napoli) una delle cagioni principali per le quali si era confederato con loro. Nella quale varietá e fluttuazione di animo mentre stava vennono a lui imbasciadori di Massimiliano a significargli la deliberazione sua del passare in Italia e ricercarlo mettesse in ordine le cinquecento lancie che aveva promesso dare in suo favore, restituisse secondo la promessa fatta i fuorusciti dello stato di Milano, e a pregarlo anticipasse il pagamento de’ danari che se gli dovevano pochi mesi poi: alle quali dimande ancorché il re non fusse inclinato a consentire fece dimostrazione di essere inclinato al contrario, non perciò se non a quelle che allora non ricercavano altro che parole; perché dimostrò desiderio grande che si mandassino a esecuzione le cose convenute, offerendosi prontamente a adempiere al tempo tutto quello a che era tenuto, ma negò con varie scuse l’anticipazione del pagamento. Da altra parte il re de’ romani, non confidando piú dell’animo del re di Francia che ’l re si confidasse del suo, e desiderando con grande ardore il passare a Roma principalmente per prendere la corona dello imperio, per procurare poi l’elezione del figliuolo in re de’ romani, tentava nel tempo medesimo di pervenire con altri mezzi allo intento suo. Perciò faceva instanza co’ svizzeri di unirgli a sé; i quali dopo molte dispute fatte tra loro determinorno osservare l’accordo, che ancora durava col re di Francia per anni due; e a’ viniziani aveva dimandato il passo per le terre loro: a’ quali essendo molestissima la passata sua con esercito potente, dettono animo a rispondergli generalmente l’offerte del re di Francia, che gli confortò a apporsegli insieme con lui. E giá il re, dimostrandosi alieno apertamente dalla confederazione fatta con lui