Pagina:Historia della Sacra Real Maestà di Christina Alessandra Regina di Svetia.pdf/44

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
6 Historia della Regina di Suetia.

mento primario della felicità de Popoli, applicossi questa Prencipessa ad una diligente coltura dell’animo [Educazione di questa Principessa] suo, dandosi all’esercitio delle virtù, per poter poscia precorrere con gli anni il debito dell’età. Si è però osservato, che quasi da’ primi momenti del suo vivere, & intendimento, cominciò ancor bambina a procaccia lume all’intelletto, imperio alla ragione, termini alla volontà, freno a gli affetti, regola alle attioni e gagliardezza al corpo.

Non era uscita per anche dalla infantia, che si trovò instrutta de primi erudimenti della lingua, e della cognitione [Mirabil ingegno di lei]] delle lettere latine, & havendo già scoperto, quanto poteva promettersi ne’ progressi de’ studj, con la vivezza del suo spirito, e col singolarissimo suo giuditio, si pose a coltivar l’animo con più alte scienze, come quelle, che somministrano i veri lumi, per non errare nel peregrinaggio del Mondo, e nell’acquisto del Cielo.

Nella minorità di lei il governo del Regno restò appoggiato [A chi restasse appoggiato il governo del Regno nella sua minorità] a cinque de più cospicui Ministri, & Officiali della Corona, che furono. Il Grand’Ammiraglio, ch’era un fratello bastardo del Re Gustavo suo Padre, il Gran Cancelliere Axellio, Oxestern, il Gran Presidente Gabriel Oxestern, il Gran Contestabile Giacomo della Garda, & il Gran Tesoriere ch’era un altro Gabriel Oxestern.

Ella in tanto all’altre sudette applicazioni, aggionse quella di ammaestrarsi nella cognitione di varie lingue, per poter rendersi tanto più habile, e disinvol-