Pagina:I Vicerè.djvu/664

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
662 I Vicerè

quale ella lo aveva trattato al tempo della morte del padre, non le aveva tuttavia perdonato il rifiuto di aiutarlo nella candidatura; voleva ora farle vedere che anche da solo aveva saputo trionfare. Ma Teresa nsa c’era. Il portinaio gli disse che la duchessa nuora era uscita con la carrozza di campagna, insieme con Monsignor Vicario. Egli salì tuttavia, e trovò la vecchia duchessa con Padre Gentile.

— Teresa è andata a Belpasso a visitare la Serva di Dio.... sai bene, quella contadinella dei miracoli.... Monsignor Vescovo non ha permesso a nessuno questo genere di visite; ha fatto un’eccezione solo per tua sorella....

— La santità della duchessa, — disse compuntamente il Padre gesuita — spiega e legittima questa eccezione.

Consalvo credè di dover chinare un poco il capo, in atto di ringraziamento, come per una cortesia detta a lui stesso.

— E quando tornerà?

— Stasera, certo.

— Monsignore, — continuava a spiegare il Padre, — ha provvidamente impedito che questo spettacolo alimentasse la malsana curiosità della folla; ma i sentimenti cristiani che animano la giovane signora e la distinguono fra tutte....

La conversazione, sempre sullo stesso soggetto, continuava fra il gesuita e la duchessa. Consalvo, visto sul tavolino da lavoro accanto al quale era seduto un foglietto stampato, lo scorreva con la coda dell’occhio: «Formule du serment. En présence de la Très-Sainte Trinité, de la Sainte Vierge Marie et de tous les Saints qui sont nés ou qui ont vécu sur le sol de.... au nom des pays de.... ici représentés, et devant notre vénéré pasteur père et chef spirituel, moi, délégué a cet effet, je déclare formée la province chrétienne du.... sous le patronage spécial de Saint.... Au nom de cette nouvelle province je reconnais librement et solennellement le Christ Jésus, fils de Dieu vivant, vrai Dieu