Pagina:I pifferi di montagna.pdf/11

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
x

Tua voce d’uom non è, ma di chi raglia
  In Arcadici prati, e se qualcuno
  Altrimenti ne pensa, a fe che sbaglia.225
Saresti tu del ver tanto digiuno,
  E penseresti come un Assiuolo,
  In quel tuo canto, così stolto, e bruno?228
Se avessi dato mai un guardo solo
  Alla lavagna, e in quella appreso almeno,
  Quel che comprende un cominciante stuolo?231
E di quel pan bollito il cervel pieno
  Avresti, cotto a te dalla tua Balia,
  Che feo Giuseppe un vecchiarel Sileno?234
E così poco stenderesti l’alia
  Del meditar, sicchè altro non cinguetti,
  Che Cuium pecus, Damon, e Magalia?237
E sotto que’ tuoi carmi aridi, e infetti,
  Zoppi, barbari, incolti, e pien d’errori,
  Ne’ riporresti sì sciocchi concetti?240
E così ignoto, e vil sareste fuori?
  Mira l’Alto Fronton, che studia quello,
  Che irridono i tuoi bei versi canori;243
La fama sua sino al celeste Ostello
  Ne vola, e ingombra il gelido Britanno,
  E il Franco industre, e al mal oprar rubello.246
Egli sedendo co’ più Saggi a scanno,
  Altro onor della dotta alma Famiglia,
  Tutti lo miran, tutti onor gli fanno.249
E quel tuo Gallio, di cui sì bisbiglia
  Il Mondo tutto, e i parti egregi ammira,
  Che si frequenti lo suo ingegno figlia:252
E che a te muovon tanta invidia, ed ira:
  Anch’ei cogli altri Eroi dimora assiso,
  E a maggior gloria ognor tende, ed aspira,255
E in rimirar l’incotalato viso
  E del Lagomarsini, e del Venturi,
  Gli squaderna le fiabe, e scioglie il riso.258
E ne riscuote ossequi illustri, e puri,
  Di genti rimotissime, onde chiaro
  E vivo fia ne i secoli futuri.261
Sai tu perchè? nessun di loro avaro
  Fu di fatiche nelle arti più belle,
  E quelle apprese ognor molto stimaro.264
Furono queste fide ardenti stelle
  Nel lor viaggio periglioso, e al porto
  Di gloria gli guidar le alme facelle.267