Pagina:I precursori di Lombroso.djvu/101

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

i fisionomisti nel seicento 97

più facilmente corrano ad incensarla, come oracolo del cuore, e la curiosità e la cognizione altrui, e acciò meglio si leggano in essa i decreti stampati della confessante natura. S’ingegni pur dunque chi vuole di mentir la propria fronte col fingerla ad arte ribelle e contumace a gl’interni commandi, che non gli riuscirà così di leggeri, Fig. 21. ond’hebbe a dir Tibullo all’Elegia 7 del 4° lib.: “hei mihi difficile est imitari gaudia falsa; difficile est tristi fingere mente iocum; nec bene mendaci risus componitur ore; nec bene sollecitus ebria verba sonant„ e Ovidio nel 2° delle Metamorfosi: “heu quod difficile est crimen non prodere vultu„, perchè si conosce la