Pagina:Iacopone da Todi – Le Laude, 1930 – BEIC 1854317.djvu/23

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


IX

Consiglio de l’amico a l’altro amico
che voglia tornare a dio

— O frate mio, briga de tornare — nante ch’en morte si’ pigliato.
Nante che venga la morte, — si briga de far lo patto:
ca ’l tuo ioco è ’n quella sorte — ch’è apresso a udir matto;
4nante che sia’l ioco fatto, — briga lassarlo entaulato. —
— Frate, ciò che tu me dici, — te ne voglio amor portare,
che fai co fan i bon amice — che de l’amico voi pensare;
ma ho fameglia governare — che ne so molto embrigato. —
— Se tu regge la fameglia, — non la regger de l’altroi;
al poder tuo t’arsomeglia, — quegne spese far ne pòi;
10non morir prò i figliol toi, — ca poco n’èi regraziato. —
— Frate, se l’altrui si rendo, — girán li me’ figli mendicati;
noi posso far, tutto m’accendo — de lassargli desolati:
dai vicin seriali chiamati — figli di quel desprezato. —
— Frate, or pensa la sconfitta — che non aspetta el paté
[e ’l figlio:
e si piglia la via ritta — da inucciar da quel empiglio;
16e quel ch’aspetta en quel piglio, — el figlio e ’l paté è poi
[legato. —
— Frate, avuto agio en usanza — ben vestir e ben calzare:
non porria soffrir vilanza — en questa guisa desprezare;
fariame a deto mostrare: — Ecco l’uomo mal guidato. —
— Testo a l’amo s’arsimiglia, — ca de for ha lo dolzore,
e lo pesce, poi che’l piglia, — sentene poco sapore:
22dentro trova un amaroreche gli è molto entossecato. —
— Non porria degiun suffrire — per la mia debeletate;
menarne a lo morire — le cocin mal frumiate:
e si per mia necessitate — voglio ciò che son usato. —
— Frate, or pensa le preghine: — regi e conti ce son stati,
e donzelli piú che tune — en tal fame s’on trovati,
28che i calzar s’on manecati; — con que loto ci on trescato! —