Pagina:Iacopone da Todi – Le Laude, 1930 – BEIC 1854317.djvu/256

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


Migliore cosa di te, amore Iesú,
nissuna mente può desiderare:
però deverebbe el cor teco lá su
con la mente sempre conversare,
ed onne creatura de qua giú
per tuo amore niente reputare,
142 e te solo pensare, dolcissimo Signore.
Signor, chi ti voi dare la mente pura,
non te dèi dare altra compagnia;
ché spesse volte, per la troppa cura,
da te la mente si svaga ed esvia:
dolce cosa è amar la creatura,
ma ’l Creatore piú dolce che mai sia,
149 però che è da temere onne altro amore.
Amore e gilosia porta la mente
che ama Iesú, che non li dispiaccia,
e partesi al tutto da onne altra gente,
e te, dolce Iesú, suo cuore abraccia:
onne altra creatura ha per niente
enverso la bellezza de tua faccia,
156 tu che de onne bellezza se’ fattore.
De te solo, Iesú, me fa pensare
ed onne altro pensier dal cor mi caccia,
ch’en tutto el mondo non posso trovare
creatura chi a me satisfaccia:
o dolce Creatore, fammite amare
e dammi grazia che ’l tuo amor mi piaccia,
163 tu che d’onne grazia sei datore.
Damme tanto amore di te che basti
ad amarte quanto so tenuto;
del grande prezzo che per me pagasti,
sia per me da te reconosciuto:
o Iesú dolce, molto me obligasti
a piú amarte, ch’io non ho potuto
170 né posso senza te conforto avere.