Pagina:Iacopone da Todi – Le Laude, 1930 – BEIC 1854317.djvu/31

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


Enfrenata c’è la gola, — temperanza ce tien scola;
la necessitate sola — quella si gli è ministrata.
La lussuria fetente — è cacciata da la mente:
castetate sta presente — che la corte ha relustrata.
O cor, non essere engrato — tanto ben che Dio t’ha dato!
35vive sempre ennamorato — con la vita angelicata.