Pagina:Iacopone da Todi – Le Laude, 1930 – BEIC 1854317.djvu/51

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


XXIV

Como la vita de l’omo è penosa

O vita penosa, continua battaglia,
2con quanta travaglia — la vita è menata!
Mentro si stette en ventre a mia mate,
presi barrate — a deverme morire:
corno ce stette en quelle contrate
chiuse, serrate, — noi so reverire;
venni a l’uscire — con molto dolore
8e molto tristore — en mia comitata.
Venni rinchiuso en un saccarello
e quel fo el mantello — co venni adobato;
operto lo sacco, co stava chello
assai miserello — e tutto bruttato,
da me è comenzato — uno novo pianto:
14esto’l primo canto — en questa mia entrata.
Venne cordoglio a quella gente
che stava presente: — si me pigliáro;
mia mate stava assai malamente
del parto del ventre — che fo molto amaro.
Si me laváro — e dierme panceglie,
20coprireme quigli — con nova fasciata.
Oimè dolente, a que son venuto,
ché senza aiuto — non posso scampare!
A chi me serve si do el mal tributo,
com’ è convenuto — a tale operare:
sempre a bruttare — me e mie veste,
26e queste meneste — donai en alevata.