Pagina:Iacopone da Todi – Le Laude, 1930 – BEIC 1854317.djvu/57

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


XXV

De la contemplazione de la morte
ed incinerazione contra la superbia

Quando t’alegri, omo de altura,
va’, pone mente a la sepultura.
E loco poni lo tuo contemplare,
e pensa bene che tu de’ tornare
en quella forma, che tu vedi stare
6Tomo che iace ne la fossa scura.
— Or me responde tu, omo sepelito,
che cusi ratto de sto mondo e’ scito!
o’ so i bei panni de que eri vestito,
ch’ornato te veggio de molta bruttura? — io
— O frate mio, non me rampognare,
ché lo fatto mio a te può iovare:
poi che i parente me fiero spogliare,
14de vii cilicio me dier copretura. —
— Or ov’è’l capo cusi pettenato?
con cui t’aragnasti che’l t’ha si pelato?
fo acqua bullita che t’ha si calvato?
18non te c’è oporto pili spicciatura. —
— Questo mio capo ch’avi si biondo,
cadut’ è la carne e la danza d’entorno:
noi me pensava quand’era nel monno,
22ca entanno a rota facea portatura. —
— Or ove son gli occhi cusi depurati?
fuor del lor loco sono gettati;
credo che i vermi glie son manecati:
26del tuo regoglio non aver paura. —
— Perduto m’ho gli occhi con que giá peccanno,
guardando a la gente, con essi accennanno;
oimè dolente, or so nel malanno,
30ché ’l corpo è vorato e l’alma en ardura. —