Pagina:Iacopone da Todi – Le Laude, 1930 – BEIC 1854317.djvu/7

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


I

De beata Vergine Maria e del peccatore

—O Regina cortese, — io so a voi venuto
ch’ai mio cor feruto — deiate medecare.
Io so a voi venuto — com’omo desperato
da omn’altro aiuto: — lo vostro m’è lassato;
5se ne fusse privato, — farieme consumare.
Lo mio cor è feruto, — Madonna, noi so dire;
ed a tal è venuto, — che comenza putire:
non deiate soffrire — de volerm’aiutare.
Donna, la sofferenza — si ni’ è pericolosa;
lo mal pres’ ha potenza, — la natura è dogliosa:
11siate cordogliosa — de volerme sanare.
Non aio pagamento, — tanto so anichilato;
faite de me stromento, — servo recomperato;
donna, el prez’è dato: — quel ch’avest’a lattare.
Donna, per quel amore — che m’ha avut’el tuo figlio,
dever’aver en core — de darm’el tuo consiglio;
17succurrime, aulente giglio, — veni e non tardare. —
— Figlio, poi ch’èi venuto, — molto si m’è’n piacere;
adomandimi aiuto, — dollote voluntere;
ètte oporto soffrire — co per arte voglio fare.
Medecarò per arte: — emprima fa la diita;
guarda li sensi da parte — che non dien piú ferita
23a la natura perita, — che se possa aggravare.