Pagina:Il Buddha, Confucio e Lao-Tse.djvu/380

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

parte seconda 305

La morte della madre,1 che avvenne mentre egli era nel suo ventiquattresimo anno, lo indusse a lasciare que’ pubblici impieghi; e per assopire il dolore di quella perdita s’applicò totalmente alla filosofìa, ritirato nella solitaria stia casa. Ma a poco a poco quell’asilo divenne il convegno di tutti i giovani amanti del sapere, a’ quali talora era maestro, talora compagno di studio; e la sua fama non tardò eziandio a varcare i confini del suo paese natale. Fu per tal modo che egli cominciò a fondare quella scuola, a cui la Cina è debitrice di una civiltà cosi durevole. Ne’ discepoli, che fin d’allora s’andò procurando, sopra ogni cosa voleva che predominasse la costanza; «perchè il fardello dell’uomo di lettere è grave, e la via è lunga».2 L’antichità era il suo studio prediletto; e que’ vecchi filosofi e sovrani, padri d’un popolo fanciullo, al quale avevano insegnato i primi passi del viver civile, erano i modelli, a cui s’ispirava. «Innalziamo, diceva egli a’ suoi scolari, l’animo nostro con la lettura delle Canzoni, che ci dipingono la vita dei nostri padri; procuriamo di condurci secondo gl’insegnamenti del Libro dei Riti; e perfezionamoci i sensi con lo studio della musica».3 La musica, che principiò a studiare a ventinove anni sotto il maestro Sih-hsiang, fu una delle sue più gradite occupazioni; e non cessò mai, fin da vecchio, di lodarne la eccellenza, come mezzo di educare lo spirito, e render miti i costumi.4



  1. Essa fu sotterrata sul monte Fang-shan, dove fu pure sotterrato il padre di Confucio, presso Kiu-fu, provincia di Shan-tung.
  2. Lun-yü, viii, 7.
  3. Lun-yü, viii, 8.
  4. Il Lun-yü, xviii, 9, nomina varii maestri di musica di quel tempo, e tra questi Shih-hsiang.