Pagina:Il Dio dei viventi.djvu/104

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 98 —

pure ci sia un po’ d’infezione. Domani il dottore gli deve fare un taglio per portar via la materia.

— Il dottore! Il fuoco lo bruci. Tu dai retta al dottore! Egli taglia la carne viva ai cristiani per trarne del denaro. Io se avessi un male non mi lascerei neppure toccare da lui.

— Tu vuoi impressionarmi per ritardare l’operazione e far venire la cancrena al mio Bellia, — pensava Zebedeo, eppure la donna gli sembrava sincera e già le sue parole gli destavano un senso di diffidenza contro il dottore.

— Non gliela far toccare la mano, a tuo figlio. Lascia che il male si maturi da sè: poi basta che tua moglie lo punga con un ago e tutto è fatto. Basta la punta di un ago. Ti ricordi (ella pungeva la tela per dimostrare come andava fatto) ti ricordi quando il povero Basilio ebbe quell’ascesso al collo? Il dottore diceva di tagliare: egli taglia sempre, quel figlio di boia; ma Basilio diede retta a me. Bastò la punta di un ago per farlo guarire.