Pagina:Il Dio dei viventi.djvu/107

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 101 —

stigati: non parliamone — ella concluse aggrottando le sopracciglia. Allora Zebedeo cambiò discorso: raccontò della donna che aveva ricevuto la visita di Sant’Antonio, con barzellette che fecero sorridere Salvatore: però gli sembrava strano che il ragazzo non parlasse mai.

— Ma la lingua non ce l’hai — domandò quasi irritato di quel silenzio. — Il maestro non t’insegna a parlare?

— Il maestro m’insegna a tacere — rispose il ragazzo; e parlava sul serio, eppure sembrò a Zebedeo che quel moccioso si burlasse di lui.

— Bello, quel maestro! È solo lui che vuol parlare? Digli da parte mia che lui parla per tre, per trenta anzi, se a tutti voi trenta scolari v’insegna a tacere! E se gli darete retta diventerete tutti idioti. Tacere! È quando l’uomo non sa parlare che tutti gli saltano addosso come le mosche all’asino senza coda. E se viene incolpato di qualche malanno e non sa difendersi lo schizzano in aria come un masso spaccato dalla mina.