Pagina:Il Dio dei viventi.djvu/121

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 115 —

che vedo dietro il vostro sgabello? Una bottiglia di vino. È una buona compagnia, beato voi. Si sta bene qui; passa il venticello; pare che gli angeli sbattano le ali qui intorno. Dunque io non sono venuto solo per le forbici, sono venuto anche per domandarvi se avete ricevuto una lettera di Pietro Paolo, il quale vi domanda se volete andare a lavorare da lui. Voi non gli avete ancora risposto: perchè non gli rispondete?

Si aspettava uno scatto del vecchio, per la sorpresa di sentir proprio lui a far da intermediario all’antico apprendista; ma il vecchio continuò a lavorare.

— Non c’è niente da rispondere.

— Perchè non c’è niente da rispondere? Quello vi propone un ottimo affare, quasi la sicurezza di una fortuna, e voi continuate a punger la lesina sulle vostre scarpe logore che non reggono più neppure i punti.

— Il mio posto è qui.

— Perchè? Per imprecare contro i ladri del vostro sacchetto? Ma potete imprecarli ancora là, Dio ci ascolta ovunque.

— Tu ce l’hai coi ladri del mio sac-