Pagina:Il Dio dei viventi.djvu/139

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 133 —

la casa dei suoi padroni è chiusa come una prigione.

Rosa lo chiama dall’uscio di cucina, gli parla come ad un uomo, gli gitta da un piatto alcuni ossi che rimbalzano contro il selciato del cortile: ma anche lei è irrequieta, con gli occhi lucidi, e d’un tratto si slancia verso la legnaia con un urlo di rapina e afferra entro il pugno una lucciola volante; poi va ad aprire al padrone.

Il padrone entra a cavallo nel cortile; la sua figura tutta nera arriva fino alla luna che spunta sopra il muro e l’ombra sua e del cavallo oscurano la notte davanti a Bellia.

— Come va ? — grida, mentre Rosa con una mano gli tiene la briglia e con l’altra stringe la lucciola.

Bellia ha voglia di rispondere: — Male, muoio, son già morto.

Le sue labbra si rifiutano di parlare; il suo silenzio però è più triste delle sue parole: e non lo scuote neppure il grido di Rosa che guarda dentro la bisaccia del padrone.

Sa icu, sa icu!