Pagina:Il Dio dei viventi.djvu/175

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 169 —


Il Rettore diceva:

— Tu sei ricorsa a me appunto perchè io sono per partire. Hai detto a te stessa: egli non ha più interessi sulla terra quindi il suo consiglio sarà giusto.

Lia faceva gesti di protesta, ma abbassava gli occhi per paura ch’egli le leggesse nel pensiero.

— Non protestare. È giusto che sia così; da viventi si è attaccati alla terra come l’albero, come ogni cosa naturale, e si vede e si opera tutto attraverso ragioni nascoste come le radici sotterra. Ma non dico che tu sei ricorsa a me solo per quel motivo che del resto fa onore alla tua perspicacia. Tu hai pensato, anche: il Rettore è istruito, conosce i libri sacri le verità rivelate da Dio; quindi potrà consigliarmi bene.

— È vero, è vero! — ella esclamò sollevando di nuovo gli occhi.

— Ma queste leggi, queste verità, cosa sono dopo tutto? Leggi e verità dette e scritte da uomini. Erano uomini gli apostoli; solo che avevano vissuto con Cristo ch’era anche lui figliuolo dell’uomo, e ri-