Pagina:Il Dio dei viventi.djvu/198

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 192 —


— Perchè pensi a questo, adesso? Lascia andare; tutto ti pareva brutto perchè stavi male.

— E quel Dottore! Se fossi stato piccolo mi sarebbe parso l’orco; io credo che sia un uomo cattivo, ma è che deve aver molto sofferto da ragazzo. Capisco che se io continuassi a patire così, un giorno ammazzerei il primo sconosciuto incontrato in una strada, per vendicarmi.

— Di chi ti vendicheresti?

Egli esitò, poi disse:

— Di Dio.

— Bellia! Tu bestemmi: non dir più una cosa simile: altrimenti Dio ti castiga davvero.

— E perchè lui mi fa patire così? Che ho fatto, io?

Allora la madre gli fece un sermone; che Dio ci fa soffrire per provarci; che anche Gesù ha patito innocente, che il dolore è la corona dell’uomo; ma Bellia s’era rimesso a canticchiare e non l’ascoltava neppure. Intanto si avvicinava l’ora del bagno. Già qualche testa appariva galleg-