Pagina:Il Dio dei viventi.djvu/210

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 204 —


— Sono venuta fuori perchè ci sono tante tarantole di mare: se pungono fanno morire arrabbiati.

— E Bellia non lo sa! Guarda com’è lontano!

— Non aver paura, — la conforta la sua ospite. — Non è vero che ci sono tarantole. E l’acqua è bassa fin dove vedi nuotare quegli uomini.

— Io ne vedo uno che mi sembra un morto, padrona mia. Dev’essere un annegato.

— Ma no, è uno che fa il morto, come si dice, — spiega l’ospite.

— No, no, il mare mi piacerebbe vederlo di lontano, — dice la madre, — dalla cima di una montagna.

— Guardate, — urla la serva drizzandosi sulle ginocchia, — che cosa sono quelle macchie laggiù? Pescicani?

— Ma non vedi che sono barche?

— Bellia, Bellia! Non andare avanti. Guarda com’è pallido e tremante. Gli viene male.

— È l’impressione del freddo, — dice