Pagina:Il Dio dei viventi.djvu/212

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 206 —

e prende dimestichezza con l’acqua; l’assaggia e la sputa, va lontano tutto solo, un poco incerto ancora ma già lieto come un bambino che comincia a camminare.

— Adesso mi pare che basti, per oggi, — consiglia l’ospite, — puoi farlo venir fuori.

— Bellia? Bellia?

Bellia è già tanto lontano che non sente più; e alla madre accorata sembra che egli vada verso gli opposti lidi del mare.

— Rosa, — dice tuttavia alla serva, — va a chiamarlo.

— Già! Come che egli sia nella strada davanti a casa!

— Signore! Come si fa? Ci fosse almeno il padre.

Anche il cane era di nuovo inquieto e si lamentava e lottava con la serva che lo teneva sempre stretto a sè.

Ma già Bellia se ne ritornava piano piano, trionfante e tuttavia ancora prudente, camminando fra le onde basse come in mezzo ad un campo di grano che non si vuol calpestare.