Pagina:Il Dio dei viventi.djvu/217

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 211 —

con nessuno, e nessuno osa parlarmene. In questi giorni poi ho evitato appositamente gl’incontri per non far chiacchiere; sono stato quasi sempre al podere a guardare la nostra roba, ed ho lavorato più dei servi. Solo sono andato dal Rettore: ma il Rettore sta male, dopo quella sera s’è messo a letto e non ha più la forza di fare addio con la mano.

— Dopo quella sera?

— Ma — egli disse un po’ confuso — dopo quella sera, alla vigilia della nostra partenza, che l’incontrai in piazza, mi pare di avertelo detto.

No, egli non le aveva detto di quell’incontro, ma ella non insistè; pensava ad altro.

— Sai che cosa mi disse il nostro ospite? Che facciamo bene a portare Bellia al mare: il mare lo rinforzerà e lo guarirà; altrimenti può andare a finire come il Rettore. Se il Rettore si fosse curato bene, da ragazzo, non finiva così: ma egli era troppo attaccato ai denari.

— Noi però non siamo attaccati, ai de-