Pagina:Il Dio dei viventi.djvu/260

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 254 —

stregonerie attribuiva tutte le disgrazie della sua famiglia. E chiedeva al Dottore consiglio sul come poter placare la donna.

— Ebbene, — aveva risposto il Dottore, — regala a Lia l’eredità e vedrai che si placa.

— Io sono disposto a tutto, ti giuro che sono disposto a tutto, Antonino.

— Allora aspetta; prima devi fare il conto con me.

E Zebedeo aveva aperto il portafoglio offrendogli tutto quello che aveva: era disposto a dare anche la camicia, pur di salvare qualche cosa dal naufragio della sua famiglia.

— Maria, Maria, — diceva adesso alla moglie passandolo una mano sul viso come per ricomporne le fattezze; — dimmi com’hai fatto ad andare alla grotta perchè possa andarci anch’io. Forse non hai guardato bene. Bellia è ancora là dentro. Un nipote della nostra ospite con altri compagni c’è stato dentro cinque giorni.

— Va a cercare il pescatore d’arselle, — mormorò la moglie, — lui solo potrà con-