Pagina:Il Mistero del Poeta (Fogazzaro).djvu/389

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

il mistero del poeta 385


Poi si fece cupa, mi gittò le mani alla testa, mi baciò con impeto.

— Mio Dio! — esclamò. — Pensare che ti ho resistito tanto!

Le raccontai che io pure avevo fatto testamento, forse nel tempo stesso.

— Ah — diss’ella — se Dio ci facesse morir insieme! Non ho coraggio di pregarlo che faccia morir me prima perchè soffriresti tanto.

— Sia fatta la Sua volontà — diss’io.

— Sì, sì, sia fatta la Sua volontà, ma se io vado avanti non ti devi accorare, devi essere certo che sono con te, sempre. Con Dio e con te.

Passi e voci nel giardino; Violet si ritirò.

Erano Paolo Steele e il mio testimonio che non avevo mai veduto nè tampoco inteso nominare. Paolo aveva la faccia d’uno che ha giuocato qualche bel tiro al prossimo e se la gode; quell’altro, una figura gotica in giubba e cravatta bianca, con un palmo di collare sulla nuca e due braccia di coda sotto la schiena, con una tuba enorme da museo, aveva l’aria di sognare ancora e mi fece due o tre inchini rispettosi e spaventati come s’io fossi stato l’imperatore della China.