Pagina:Il Mistero del Poeta (Fogazzaro).djvu/67

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

il mistero del poeta 63

lora, del sepolcro che m’ero scelto. La signora mi ascoltava con attenzione intensa; ebbi l’idea che mi studiasse, com’io poco prima avevo studiato lei. Volle guardar la mia rupe col cannocchiale che io le disposi. Nel porre l’occhio alla lente perdette la buona direzione; la cercammo insieme, le nostre mani si sfiorarono, Mrs. Yves non ritirò subito la sua; me ne corse in tutta la persona un brivido delizioso.

— Io non potrei salire sul Suo sepolcro — diss’ella sorridendo.

Fui sul punto di domandarle se, quando fossi morto, vorrebbe portarmi un fiore. Ero troppo agitato; non lo seppi dire. Mrs. Yves mi domandò se mi piacerebbe ancora di esser sepolto lassù, risposi che in quel momento non lo sapevo io stesso. Aspettavo che mi chiedesse spiegazione di quanto le avevo detto sulla sua voce, ma questa domanda non veniva mai. Mi chiese invece se avessi composto dei versi sullo scoglio del sepolcro e, udito che no, se ne mostrò sorpresa; mi disse che dovevo comporne. Glielo promisi sull’atto. Nè l’uno nè l’altro lo disse, ma intendemmo bene ambedue che dovevano essere