Pagina:Il Trentino.djvu/205

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

Capitolo Sesto.


Il clima del Trentino


1. Pochissimi paesi presentano come il Trentino in uno spazio assai ristretto tanta gradazione di climi. A questo fenomeno concorrono molte cause: prima fra tutte la posizione della regione trentina, a metà via tra l’equatore e il polo, al termine della grande catena alpina, in modo che essa, mentre spinge le sue pendici meridionali nella zona dei laghi prealpini, si rannoda a settentrione coi gruppi più elevati delle Alpi; secondariamente vi influiscono: la struttura orografica del suolo variamente plasmato, con una differenza di 3698 m. dalla minima alla massima altitudine; il carattere altopianico di alcuni bacini; l’irregolarità e la profondità di alcuni altri; l’abbondanza dei ghiacciai, dei nevai, dei bacini lacustri e dei corsi fluviali; l’influenza del mare in qualche plaga (come p. e. nella Valsugana); la struttura geologica del terreno e la vegetazione boschiva, che copre quasi il 50 % dell’intera regione.

2. Abbiamo già accennato come intorno al clima del Trentino si abbiano osservazioni vecchie e nuove e come il ricco materiale delle stazioni meteorologiche sia stato studiato in modo speciale dall’Hann e dal Busin1; ai quali si devono aggiungere il Gerosa, il Peischer ed altri2. Il lavoro del Bu-

  1. Hann I. Die Temperaturverhältnisse der oesterreichischen Alpen Länder. Wien, 1886 (già cit.). — Id. Klima von Riva am Garda see. «Meteor. Zeitsch. 9 Iharg. XXVII, Bd. 1892», Wien. — Id. Iährliche Periode des Regenfalls in Süd-Tirol. «Meteor Zeitsch. 1896». — P. Busin. La meteorologia del Trentino. In «Ann. Alp. Trid.» Anno 1886-87, pag. 159-222.
  2. Da Schio C. Almerigo. Le stazioni di osservazione per servire alla meteorologia e idrografia istituite nel Veneto, nel Trentino, nell’Emilia dal 1873 al 1880. Torino, 1881. — Id. Stazioni di osservazione dei bacini dei