Pagina:Il diavolo.djvu/411

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
406 Capitolo decimoquarto

primo che vi passerà sopra gli abbia ad appartenere. Costruito il ponte, ci si fa passar sopra un cane, o altro quadrupede, e il diavolo deve contentarsi di quella preda. Di più d’uno si racconta che, invece dell’anima e del corpo, lasciò al diavolo l’ombra. Il diavolo insegnava una volta magia nella città di Salamanca. Egli aveva dichiarato ai suoi uditori che, a corso finito avrebbe tolto in pagamento, anima e corpo, a colui che rimarrebbe ultimo nell’aula. Venuto il giorno stabilito, gli uditori traggono a sorte chi debba soddisfare il debito. Rimane ultimo uno studente, il quale al diavolo, che sta per ghermirlo, addita l’ombra propria sul muro. Il diavolo, stimandola persona, s’avventa per acciuffarla, e intanto lo studente se la svigna. Questa novelletta diede argomento a una poesia di Teodoro Körner. Nel noto romanzetto del Chamisso il diavolo si toglie l’ombra di Pietro Schlemihl ma sapendo ciò ch’ei si fa.

La dabbenaggine e la credulità di certi diavoli minori passano ogni limite. Il trovero francese Rutebeuf, già ricordato, narra di uno, che pensandosi di raccogliere in un sacco l’anima