Pagina:Il dottor Antonio.djvu/171

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

in battello. 167

a questa scena, era invece entusiasta nel lodarla; e finiva lamentandosi che l’osteria non fosse da questa parte del Capo di Bordighera.

Ma il golfo di Spedaletti, e que’ tre noti promontorii a levante, trovarono un caldo avvocato in Lucy, la quale difendeva la loro superiorità. Confessava che la veduta verso le coste della Francia era più svariata ed estesa; ma dichiarava che non aveva quell’armoniosa unità e il carattere di melanconica grandezza onde era distinta la veduta dell’osteria. — «Un pittore,» disse Lucy, «potrebbe preferire la prima; ma un poeta, ne son sicura, troverebbe quest’ultima più ferace di pensieri e d’immagini insinuantisi nel cuore.»

— «Ehi! ehi!» esclamò ridendo sir John, guardando con alterigia affettuosa la bella parlatrice: «la mia piccina sta per divenirmi anche poetessa.»

— «E chi sa?» replicò sorridendo la fanciulla con rossore che l’accusava. Lucy infatti si sentiva nell’anima qualche cosa come uno slancio poetico.

Fra due collinette riccamente boscate, un po’ a ponente di Bordighera, facea bella mostra il bianco palazzino del Conte, stato di recente tutto tinto di rosso. — «Quello è un magnifico sito per il vostro pennello,» esclamò sir John indicandolo alla figlia.

— «Il Conte è un uomo di buon gusto,» disse Antonio; «scelse da sè il sito, e fece da sè il disegno del casino.»

— «Dunque è un uomo più intelligente di quel che credessi,» osservò il Baronetto; «quel palazzino sta esattamente al suo posto.»

— «Non è vero?» rispose il Dottore. «Trasportatelo col pensiero in altro sito e perderà sempre nel cambio.»

— «Quel che dite del casino del Conte s’avrebbe a dire di tutte le numerose città e paesi che si vedon da qui,» soggiunse Lucy. «Non si potrebbero desiderare che stessero più in alto o più in basso, più a dritta o più a sinistra per farli parer più belli o più pittoreschi. Anche il casolare più insignificante par messo proprio ove fa più bella vista; e ove meglio contribuisce al buon effetto del complesso. La pensate voi pure così, dottor Antonio?»

— «Ad ammiratrice così imparziale,» rispose Antonio sorridendole, «potrei dire essere gli abitanti di questo paese una razza di artisti inconsapevoli di sè. Posseggono un giudizio di bello, incolto, ma retto; come si può rintracciare chiaramente nella scelta e nella costruzione delle città e dei villaggi, e anche nella scelta e nella postura di un fiore in capo alle donne; così forse ordinò la natura,