Pagina:Il dottor Antonio.djvu/193

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

le sicilie. 189

ma perchè ogni mia ora era occupata nei doveri della mia professione. Benchè la mortalità fosse minore che in Palermo, il cholera faceva pure una grande strage in Catania, e giorno e notte io era in giro. Una sera del mese di marzo fui chiamato da un caro amico, caduto improvvisamente malato. Avevo appena riconosciuti i primi sintomi della malattia dominante, quando una mano di soldati entrò in camera. Un ordine d’arresto era stato rilasciato; e un sergente, alla testa di una mezza dozzina d’uomini, era stato spedito a impadronirsi di lui. Fu comandato al povero malato di alzarsi da letto, e prepararsi ad accompagnare i soldati. M’interposi facendo conoscere il mio nome e la mia professione, e dissi che portar via il mio amico in quello stato era lo stesso che ucciderlo; e ne avvertivo il sergente per la grave responsabilità che prendeva sopra di sè. Mi fu risposto che i suoi erano ordini precisi, e che, morto o vivo, il mio amico doveva andare con lui; e ciò dicendo il sergente portò via il lenzuolo dal letto. A quest’atto brutale perdetti la mia freddezza d’animo. Non so che cosa dicessi o facessi quel giorno; ma finì che fui ammanettato, tirato fuori per forza dalla casa, e portato in istrada.

«Molto non avevamo camminato, quando c’incontrammo in un uffiziale, e di alto grado per quanto ne potei giudicare nell’oscurità sopraggiunta. Fece fermar la mia scorta e indirizzò alcune domande al sergente. «Un medico!» sentii esclamare quello sconosciuto; «non è tempo questo da arrestar medici, mio buon amico.» E dopo alcune altre parole fui liberato dalle manette; e l’uffiziale mi prese sotto braccio e mi condusse da una parte, mentre il sergente e i suoi uomini andavano dall’altra. Trovandomi vicino a lui, vidi allora dalle spalline che il mio compagno era un generale. — «Dove volete andare?» chiese. Dissi la strada ove abitavo. Accompagnommi alla mia porta, e licenziandosi mi disse: — «Questi sono tempi difficili, e un’accusa di ribellione è un affar serio. Se io avessi un consiglio a darvi, sarebbe di scappar via quanto prima potete;» e così dicendo mi lasciò. Ecco il caso, per il quale andai in esilio. Molto meno di quanto io avessi detto o fatto in quel giorno, era costato a più d’uno la vita. Insistette mia madre e mio zio perchè seguissi il consiglio di quell’incognito amico, e così feci. Di poi ho conosciuto il suo nome; nè sono il solo cui egli sia riuscito a salvare la vita. Dio lo benedica! Son felice e altero di poter dire ch’egli è un Siciliano!»

— «E il vostro amico malato?» domandò Lucy.