Pagina:Il dottor Antonio.djvu/96

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
92 il dottor antonio

— «Nemmen per ombra. Non vi son forse di fatto banditi e serenate, e non è forse naturale nella gioventù l’amore delle avventure? Per parte mia, quand’era all’età vostra, avrei pagato non so che cosa per qualunque caso commovente, in terra o in mare; e i romanzi della signora Radcliffe sono un nonnulla a petto di quelli che mi creavo nella fantasia.»

— «Come! voi che parete così serio!»

— «Sì, proprio, io stesso, così tranquillo come sono. Ma intanto non dite nulla del mio canto?»

— «Giusta, stava per dirvi quanto mi sia riuscito grato; è così semplice e pieno di affetto.»

— «È vero, è una delle mie favorite arie siciliane. Oggi son venuto coll’intenzione d’insegnarla a voi.»

— «Ma io non posso suonar la chitarra.»

— «Ma voi potete imparare, non vi è circostanza miglior di questa. Siete disposta a prender ora la vostra prima lezione?»

Lucy era tutta impaziente d’incominciare. Antonio le insegnò a tener lo strumento, e il moto delle dita di una mano sui tasti, e dell’altra sulle corde. Dopo la lezione, a richiesta di Lucy, terminò la canzone che aveva soltanto incominciato prima; ed era una bella canzone, che le piacque assai.


CAPITOLO VII.

Piccole scoperte.


— «Volete permettermi,» disse una sera Lucy, che io vi faccia una domanda?»

— «Sarà delicatissima, m’immagino,» rispose Antonio, «se richiede un preambolo tanto cerimonioso.»

— «La domanda riguarda voi, dottor Antonio; nè sono affatto sicura se io la abbia a fare.»

— «Non importa,» disse Antonio, «vi do piena licenza di farmene qualunque, mi riguardi o no.»

— «Grazie. Desidero sapere come un uomo superiore quale voi siete...»

Antonio proruppe incontanente in una risata.

— «Ah! benissimo,» disse Lucy arrestandosi subita-