Pagina:Il fu Mattia Pascal.djvu/193

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 183 —

una sera (stavamo, io e la mamma, in un mezzanino) si raccolse gente, giù in istrada, che m’applaudi in fine, a lungo. E io ne ebbi quasi paura.

— Scusi, signorina, — le proposi allora, per confortarla in qualche modo. — E non si potrebbe prendere a nolo un pianoforte? Mi piacerebbe tanto, tanto, sentirla sonare; e se lei...

— No, — m’interruppe, — che vuole che suoni io più! È finita per me. Strimpello canzoncine sguajate. Basta. È finita...

— Ma il signor Terenzio Papiano, — m’arrischiai di nuovo a domandare, — le ha promesso forse la restituzione di quel denaro?

— Lui? — fece subito, con un fremito d’ira, la signorina Caporale. — E chi gliel’ha chiesto mai! Ma sì, me lo promette adesso, se io lo ajuto... Già! Vuol essere ajutato da me, proprio da me; ha avuto la sfrontatezza di propormelo, così, tranquillamente...

— Ajutarlo? In che cosa?

— In una nuova perfidia! Comprende? Io vedo che lei ha compreso.

— Adri... la... la signorina Adriana? — balbettai.

— Appunto. Dovrei persuaderla io! Io, capisce?

— A sposar lui?

— S’intende. Sa perchè? Ha, o piuttosto, dovrebbe avere quattordici o quindici mila lire di dote quella povera disgraziata: la dote della sorella, che egli doveva subito restituire al signor Anselmo, poichè Rita è morta senza lasciar figliuoli. Non so che imbrogli abbia fatto. Ha chiesto un anno di tempo per questa restituzione. Ora spera che... Zitto... ecco Adriana!