Pagina:Il fu Mattia Pascal.djvu/197

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 187 —

stone sul pavimento, come se, tenendo i piedi entro un pajo di scarpe di panno che non facevan rumore, volesse sentire così, battendo il bastone, ch’egli camminava.

Dôva ca l’è stô me car parent? — si mise a gridare con stretto accento torinese, senza togliersi dal capo il cappelluccio dalle tese rialzate, calcato fin su gli occhi a sportello, appannati dal vino, nè la pipetta dalla bocca, con cui pareva stèsse a cuocersi il naso più rosso di quello della signorina Caporale. — Dôva ca l’è stô me car parent?

— Eccolo, — disse Papiano, indicandomi; poi rivolto a me: — Signor Adriano, una grata sorpresa! Il signor Francesco Meis, di Torino, suo parente.

— Mio parente? — esclamai, trasecolando.

Quegli chiuse gli occhi, alzò come un orso una zampa e la tenne un tratto sospesa, aspettando che io gliela stringessi.

Lo lasciai lì, in quell’atteggiamento, per contemplarlo un pezzo; poi:

— Che farsa è codesta? — domandai.

— No, scusi, perchè? — fece Terenzio Papiano. — Il signor Francesco Meis mi ha proprio assicurato che è suo...

Cusin, — appoggiò quegli, senza aprir gli occhi. — Tut i Meis i sôma parent.

— Ma io non ho il bene di conoscerla! — protestai.

Oh ma côsta ca l’è bela! — esclamò colui. — L’è propi për lon che mi ’t sôn vnù a trôvè.

— Meis? di Torino? — domandai io, fingendo di cercar nella memoria. — Ma io non son di Torino!

— Come! Scusi, — interloquì Papiano. — Non