Pagina:Il fu Mattia Pascal.djvu/236

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 226 —

tero di Miragno, sotto il mio nome. Chi era egli? Donde veniva? Perchè si era ucciso? Forse voleva che quella sua triste fine si sapesse: era stata forse riparazione, espiazione... e io me n’ero approfittato! Più d’una volta, nel bujo — lo confesso — gelai di paura. Quel pugno, lì, sul tavolino, in camera mia, non lo avevo udito io solo. Lo aveva scagliato lui? E non era egli ancor lì, nel silenzio, presente e invisibile, accanto a me? Stavo in orecchi, se m’avvenisse di cogliere qualche rumore nella camera. Poi m’addormentai e feci sogni paurosi.

Il giorno appresso aprii le finestre alla luce.