Pagina:Il fu Mattia Pascal.djvu/257

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 247 —


Ma Adriana, a questo punto, non potè più reggere:

— Ma se lei, — disse, — ha guardato, me presente, da per tutto; se lì, nello stipetto....

— Sì, signorina, — la interruppi, con fredda e severa fermezza. — Ma ho cercato male, evidentemente, dal punto che le ho ritrovate.... Chiedo anzi scusa a lei in special modo, che per la mia storditaggine, ha dovuto soffrire più degli altri. Ma spero che....

— No! no! no! — gridò Adriana, rompendo in singhiozzi e uscendo precipitosamente dalla stanza, seguita dalla Caporale.

— Non capisco.... — fece il Paleari, stordito.

Papiano si voltò, irosamente:

— Io me ne vado lo stesso, oggi.... Pare che, ormai, non ci sia più bisogno di.... di....

S’interruppe, come se si sentisse mancare il fiato; volle volgersi a me, ma non gli bastò l’animo di guardarmi in faccia:

— Io.... io non ho potuto, creda, neanche dire di no.... quando mi hanno.... qua, preso in mezzo.... Mi son precipitato su mio fratello che.... nella sua incoscienza.... malato com’è.... irresponsabile, cioè, credo.... chi sa! si poteva immaginare, che.... L’ho trascinato qua.... Una scena selvaggia! Mi son veduto costretto a spogliarlo.... a frugargli addosso.... da per tutto.... negli abiti, fin nelle scarpe.... E lui.... ah!

Il pianto, a questo punto, gli fece impeto alla gola; gli occhi gli si gonfiarono di lagrime; e, come strozzato dall’angoscia, aggiunse:

— Così hanno veduto che.... Ma già, se lei.... Dopo questo, io me ne vado!

— Ma no! Nient’affatto! — diss’io allora. —