Pagina:Il fu Mattia Pascal.djvu/258

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 248 —

Per causa mia? Lei deve rimanere qua! Me n’andrò io piuttosto!

— Che dice mai, signor Meis? — esclamò, dolente, il Paleari.

Anche Papiano, impedito dal pianto che pur voleva soffocare, negò con la mano; poi disse:

— Dovevo.... dovevo andarmene; anzi, tutto questo è accaduto perchè io.... così, innocentemente.... annunziai che volevo andarmene, per via di mio fratello che non si può più tenere in casa.... Il marchese, anzi, mi ha dato.... — l’ho qua — una lettera per il direttore di una casa di salute a Napoli, dove devo recarmi anche per altri documenti che gli bisognano.... E mia cognata allora, che ha per lei.... meritatamente, tanto.... tanto riguardo...., è saltata su a dire che nessuno doveva muoversi di casa.... che tutti dovevamo rimanere qua.... perchè lei.... non so.... aveva scoperto.... A me, questo! al proprio cognato!... l’ha detto proprio a me.... forse perchè io, miserabile ma onorato, debbo ancora restituire qua, a mio suocero....

— Ma che vai pensando, adesso! — esclamò, interrompendolo, il Paleari.

— No! — raffermò fieramente Papiano. — Io ci penso! ci penso bene, non dubitate! E se me ne vado.... Povero, povero, povero Scipione!

Non riuscendo più a frenarsi, scoppiò in dirotto pianto.

— Ebbene, — fece il Paleari, intontito e commosso. — E che c’entra più adesso?

— Povero fratello mio! — seguitò Papiano, con tale schianto di sincerità, che anch’io mi sentii quasi agitare le viscere della misericordia.