Pagina:Il mio cuore fra i reticolati.djvu/108

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 106 —

co amabile, tu hai eccitato la sua gelosia, il suo orgoglio, i suoi puntigli. Non si fa così, quando si vuol liberarsi di una donna.

— Lo so, è più facile conquistarle, le donne, che disfarsene.

— Naturale! Guai a far capire a una donna innamorata che la si pianta per un'altra! È l'unico modo per non levarsela più di torno.

– Ma se....

— Lasciami dire. Me ne intendo. Tu dovevi tenere segretissimo lo scopo del tuo viaggio, non lasciare quella lettera sul tavolo, telegrafarle ogni giorno da Ferrara, tenerla tranquilla e soddisfatta. Non avendo preoccupazioni su di te, sapendosi amata in pieno, si sarebbe prestata senza sforzo a un nuovo flirt, che avesse per lei un sapore di novità, di bizzaria, una cosa che eccitasse la sua curiosità di donna poco vissuta. Io me la sarei lavorata a meraviglia in quei quattro giorni: e l'ho anche fatto. Ma tutto il mio sapiente destreggiamento (corse in automobile, cenette in gabinetti riservati, tea-rooms alla moda, teatro di posa, contatti nuovi, ostentazione della mia potenza di direttore...) era inutilizzato, paralizzato dai fieri colpi che tu le vibravi alle spalle. Credimi, è tutta colpa tua se finora non ho potuto portartela via.