Pagina:Il mio cuore fra i reticolati.djvu/35

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 33 —

Nella stessa giornata a poche ore di distanza, Franco Arbace s’imbattè nell’uno e nell’altro di questi due tipi della flora femminile.

*

— Come sono contenta — diceva a Franco la dolce adolescente che gli sedeva accanto, nel salotto di sua zia — come sono contenta che voi abbiate le stesse mie idee sull’amore, su questo inutile tormentatore degli spiriti! Non è vero che voi sarete per me un alleato e un amico?

— Io non chiedo di meglio — rispose Franco guardando con involontaria esaltazione Glorietta Crimi — ma com’è possibile, dite, che voi, non ancora diciannovenne, conosciate già così profondamente il dolore da giungere addirittura alla rinuncia totale di ciò che può generarlo; dell’amore, soprattutto?

Le guance pallidissime di Glorietta si animarono di una rapida fiamma. Ella abbassò lo sguardo, e strapazzò un poco con le dita i merletti della veste.

— Dio mio... voi vorreste saper troppo, non è un’ora che ci conosciamo, dovrei farvi una confessione... un po’ penosa...

Franco addolcì la voce.

— Ebbene, non avete detto che io sarò il vostro migliore amico? non siete convinta