Pagina:Il mio cuore fra i reticolati.djvu/42

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 40 —

settimana dal Dott. Grazioli. Io non so che fare. Non mangia, non dorme. È sempre col suo violino alla gola, sempre. Ah una vera disperazione, creda!

*

Più tardi, uscendo di casa, Franco si diresse al Caffè Estense. Erano le cinque. C'era molta gente. Mentre cercava posto, si sentì chiamare, e volgendosi, vide un gruppetto di giovanotti più o meno eleganti, tra i quali riconobbe due colleghi d'Università.

— Vieni qui da noi: c'è posto.

— Permettete? Franco Arbace, laureando in lettere; Giorgio Fagioli, chauffeur... pardon! proprietario del Garage omonimo; Pietro Nava, pittore quasi futurista; Eugenio Deviti, gentiluomo, semi-milionario, esploratore di alcove proibite.

— Molto piacere! Fortunatissimo! ecc.

— Franco Arbace — continuò l'allegro goliardo — ci ha fatto il supremo onore di lasciare la capitale per portare le sue tende in questo villaggio antidiluviano....

Coro di proteste.

— Tu non conosci Ferrara! Tu non capisci la bellezza di questa città! Qui si vive meglio che a Roma! Le donne ferraresi valgono cento metropoli! Incosciente! Calunniatore!