Pagina:Il monte Berico.djvu/5

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

163

Di prati folti di fiorita erbetta
Fecondati de’ placidi ruscelli
Dal cristallino umor, di ben partite
Colte campagne da frondose schiere
Di salici, di ontan, di pioppi e querce,
E di celibi gelsi, e di feraci
Viti divise; e seminate e sparse
Di ville, di palagi, e d’abituri
Da vicino offre il verdeggiante piano
L’aspetto incantator, che a poco a poco
Poi si dilegua, e si confonde e mesce
Ne l’azzurro Orizzon. Torreggia in fianco
Di Montegalda la vetusta rocca,
E le sparute cime ergon da lunge
Gli Euganei colli, e più lontan, de’ nembi
Se il nebuloso vel ceda di Febo
Al raggio vincitor, l’occhio discerne
Le guglie eccelse de’ famosi templi,
Che Brenta adora, e le Antenoree scopre
Mura ospitali del saper. Là dove
De’ gelidi Trïoni il fiato spira
Men vasta, ma più varia e più vivace
S’apre l’adorna scena. Ampia campagna,
Pingue regno di Cerere e di Bacco,
In cui terre e borgate e case e ville
Quasi formicolando, a cento a cento
Rompono il verde strato, appo le mura