Pagina:Il tesoro.djvu/330

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 320 —


— Favorisca chiamare la signorina Giovanna — disse il giudice.

Cosimo uscì, informò rapidamente Giovanna e la condusse tutta confusa nel salotto.

Ciò non le impedì di ridere graziosamente, raccontando a sua volta la storia con arguzia e disinvoltura.

Il giudice, sempre con le mani in tasca, s’era finalmente fermato e ascoltava con interesse; Elena temeva che Giovanna dicesse qualche sproposito e la guardava un po’ inquieta, ma in breve s’accorse che una leggera malizia le brillava negli occhi e a un certo punto dovette voltarsi verso il fuoco per nascondere un lieve sorriso.

Dopo quel giorno Cosimo condusse spesso in casa il giovane magistrato, e ogni sera si vedevano insieme a passeggio; e così si sparse di nuovo e insistentemente la voce che Elena e Carta-Selix si fossero fidanzati.

Quasi ogni sera Giovanni passava nella piccola strada rasente al giardinetto, ma Elena non riappariva mai più alla finestra grigia e silenziosa del salotto.

Il giovine allora andava a batter la porta di casa Bancu e chiedeva di Cosimo; s’egli non c’era, domandava alla domestica venuta ad aprire come stava la signorina Elena.

— Un po’ meglio — gli rispondevano invariabilmente. Ma Elena non si vedeva mai, nè